Idea di investimento: sui Paesi emergenti la parola chiave è selettività

Idea di investimento: verso una risalita dei tassi in Europa
maggio 10, 2018
Idea di investimento: old but gold
maggio 23, 2018

Idea di investimento: sui Paesi emergenti la parola chiave è selettività

L’attuale contesto sui mercati finanziari, caratterizzato da un generalizzato rialzo dei tassi di interesse e da un progressivo deterioramento delle condizioni di liquidità, unito alle situazioni di crisi venutesi a generare in Turchia e (più recentemente) in Argentina,  rappresenta uno scenario sfavorevole per gli asset finanziari dei mercati emergenti, in particolare per valute e obbligazioni (ma non solo).

La Lira turca e il Peso argentino hanno toccato i nuovi minimi storici contro l’Euro, ma la pressione ribassista si è estesa anche a Real brasiliano e Peso messicano. Riteniamo che, almeno in parte, questi trends siano quantomeno stati accentuati dal fenomeno di Quantitative Tightening in corso, di cui si sente parlare ancora troppo poco. La sessione di ieri ha inoltre confermato la relativa debolezza delle borse emergenti, l’MSCI Emerging Markets (-1%, 1.144) ha riportato in rosso la performance da inizio anno. Questa instabilità richiederà senz’altro maggiore selettività negli investimenti in questi comparti. 

Investire in questo contesto è certamente ancora possibile, ma occorre andare alla ricerca di valore selezionando maggiormente le opportunità di investimento. Il mondo delle economie emergenti è molto variegato, anche se spesso si è soliti riferirsi ad esso ricorrendo a delle semplificazioni. Vale così la pena di considerare anche prodotti finanziari a gestione attiva, come il fondo comune di investimento Vontobel Funds Sustainable Emerging Markets Leaders (ISIN: LU0571085413) che investe nel comparto azionario dei Paesi emergenti e che a 5 anni mostra una performance del 69,58% (11,14 annualizzata). Si tratta comunque di un comparto adatto ad un investitore con profilo di rischio alto e che deve essere acquistato considerando un orizzonte temporale di medio-lungo periodo.

Stefano Sanna
Stefano Sanna
Sono Laureato in Management degli Intermediari Finanziari presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, dove ho concluso il mio percorso con una tesi in materia di asset allocation riguardante gli effetti che le macro policy e i trend demografici hanno prodotto sui mercati finanziari. Approccio la finanza in maniera interdisciplinare ed è proprio questo ad alimentare questa mia passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *